Triolo onoranze funebri tel. 393.118.9.118

i Professionisti del settore servizi di onoranze funebri a Reggio Calabria

Morto a 100 anni il boss Di Maggio, negati funerali pubblici: scampò a due attentati e al maxi processo

Fecero scalpore i pirotecnici festeggiamenti per il suo ultimo compleanno. Nel paese di Peppino Impastato è alta la tensione.

E’ morto a Cinisi (Palermo) all’età di 100 anni Procopio Di Maggio, l’unico padrino della Cupola rimasto in libertà. Il boss è scampato a due attentati, nel 1983 e nel 1991. Fu condannato per associazione mafiosa al maxiprocesso istruito daFalcone e Borsellino e assolto dall’accusa di essere il mandante di 20 omicidi. Avevano fatto discutere i festeggiamenti con giochi d’artificio per il suo ultimo compleanno. Vietati i funerali pubblici.

Il figlio di Di Maggio, Gaspare, è in carcere col 41 bis. L’altro figlio Giuseppe è stato inghiottito dalla lupara bianca. Il questore ha emesso un’ordinanza e ha vietato i funerali pubblici.

La salma potrà essere trasportata da casa fino al cimitero. Qui troverà sepoltura. Il 6 gennaio i familiari di Di Maggio avevano organizzato una festa in un locale con parenti e amici con tanto di giochi pirotecnici che non sono passati inosservati a Cinisi (Palermo), il paese di Peppino Impastato.

video

fonte: http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/sicilia/morto-a-100-anni-il-boss-di-maggio-negati-funerali-pubblici-scampo-a-due-attentati-e-al-maxi-processo_3012376-201602a.shtml